Pane di Matera I.G.P.

Pane di Matera I.G.P.
Il Pane di Matera è un pane prodotto esclusivamente con semola di grano duro ottenuta da vecchie varietà e assolutamente non semola derivante da organismi geneticamente modificati. Il procedimento per la sua produzione è lungo e dettato da secoli di tradizione e prevede la lievitazione naturale con utilizzo di pasta madre anche se è consentito l'utilizzo di lievito compresso in percentuale non superiore all'1%.
Si tratta di un pane dalla pasta gialla e con pori dalle dimensioni variabili che possono arrivare anche a 60 mm di diametro ed oltre mentre l'aroma ed il sapore sono caratteristici grazie all'utilizzo proprio di semole particolari.
Oltre alle forme tradizionali, alta e bassa (denominati pane alto e pane basso), è presente anche la forma a cornetto (forma simile alla brioche dolce);
si presenta all'esterno con una gradevole crosta croccante di colore bruno, e all'interno con una mollica alveolata di colore giallo paglierino.
Infine, un'altra caratteristica di questo pane è la sua prolungata conservabilità, fino a 6 giorni dalla sua produzione.

Foto: www.flickr.com
Suggerimenti
Il pane di Matera ha ottenuto nel 2004 la certificazione Identificazione Geografica Protetta I.G.P., dalla Comunità Europea, ai sensi del Regolamento CEE 2081/92.
Per tutelare e valorizzare questo prodotto un gruppo di giovani produttori e imprenditori, panificatori da generazioni, ha costituito il Consorzio di Tutela del Pane di Matera.
Attraverso un rigoroso disciplinare di produzione i membri del Consorzio sono intervenuti sull’intera filiera, dalla coltivazione dei grani tradizionali fino alla tecnica di produzione finale per riproporre con nuova vitalità il prodotto nella sua più genuina originalità.

Link Fonti Documenti