Pici

frase tutte le parole


gli rss di Saporetipicostampa elencocrea file pdf

Pici

Paste e Cereali

(GROSSETO SIENA ) - TOSCANA -

PiciI pici sono un prodotto tipico di Siena e provincia, e di qualche comune della provincia di Grosseto. Sono una sorta di spaghetti che possono essere fatti sia a mano, e risultano molto grossolani ed irregolari, oppure a macchina, in tal caso il diametro non è mai inferiore ai 3 mm.
Una volta i pici venivano fatti senza uova, solo con farina ed acqua: erano il tipico piatto povero dei contadini. Oggi sono state aggiunte le uova nell'impasto.
Per ottenerli con la lavorazione manuale, si impastano a mano farina di grano tenero tipo 0, acqua, sale ed olio extra vergine di oliva. All'impasto può essere aggiunto un uovo per ogni chilo di farina, per ottenere un prodotto più al dente. Dopo una leggera spianatura, si aggiunge all'impasto ancora dell'olio extra vergine di oliva.
Dalla pasta si ricavano delle strisce cilindriche irregolari (i pici) che poi vengono "tirate" a mano su una spianatoia di legno e impolverate, a lavoro finito, con semola di grano duro o farina di mais, per evitare che si appiccichino.
I pici così formati vengono stesi su un panno di stoffa e di nuovo impolverati, pronti per essere cotti in acqua bollente per circa 5 minuti.
Se invece vengono fatti a macchina, per il prodotto fresco l'impasto può essere di farina di grano tenero oppure di semola o semolato di grano duro, mentre il prodotto essiccato può essere soltanto di semola o semolato di grano duro. Nell'impasto di farina di grano tenero tipo 0 si aggiungono acqua, sale ed olio extra vergine di oliva e può essere aggiunto un uovo per ogni chilo di farina. Nell'impasto di semola o semolato di grano duro si aggiunge solo l'acqua.
L'impasto, in entrambi i casi, deve essere abbastanza asciutto per una buona lavorazione.
Per il prodotto fresco, sia a mano che a macchina, può essere utilizzata anche la farina di grano duro al posto di quella di grano tenero, ma accade raramente.
I Pici vengono "buttati" in acqua bollente per circa 5 minuti. Si consumano come primo piatto conditi con vari tipi di ragù, nel senese con pomodoro e aglio (pici all'aglione) o con sugo di anatra; in Maremma si usa condirli anche con briciole di pane o con sugo di salciccia, patate e fagioli.
Ad agosto nel Grossetano ed in particolare a Seggiano si organizza la Sara del Picio.
Tutt'oggi vengono prodotti da molti dei 20 pastifici della provincia di Siena e sono presenti anche in quella di Grosseto.
A Montalcino e dintorni sono chiamati pinci.
La vendita avviene prevalentemente presso i pastifici tramite vendita diretta del prodotto sfuso, ma ci sono anche alcune aziende che provvedono al confezionamento e alla vendita in ambito regionale.

- ST - Ricette:

- Pici all'aglione
- Pici con salsa di nana
- Pici con le briciole

- ST - Link:

- www.provincia.grosseto.it
- www.terraditoscana.com

gli rss di Saporetipicostampa elencocrea file pdf