Pici

frase tutte le parole


gli rss di Saporetipicostampa elencocrea file pdf

Pici

Paste e Cereali

(GROSSETO SIENA ) - TOSCANA -

PiciI pici sono un prodotto tipico di Siena e provincia, e di qualche comune della provincia di Grosseto. Sono una sorta di spaghetti che possono essere fatti sia a mano, e risultano molto grossolani ed irregolari, oppure a macchina, in tal caso il diametro non Ŕ mai inferiore ai 3 mm.
Una volta i pici venivano fatti senza uova, solo con farina ed acqua: erano il tipico piatto povero dei contadini. Oggi sono state aggiunte le uova nell'impasto.
Per ottenerli con la lavorazione manuale, si impastano a mano farina di grano tenero tipo 0, acqua, sale ed olio extra vergine di oliva. All'impasto pu˛ essere aggiunto un uovo per ogni chilo di farina, per ottenere un prodotto pi¨ al dente. Dopo una leggera spianatura, si aggiunge all'impasto ancora dell'olio extra vergine di oliva.
Dalla pasta si ricavano delle strisce cilindriche irregolari (i pici) che poi vengono "tirate" a mano su una spianatoia di legno e impolverate, a lavoro finito, con semola di grano duro o farina di mais, per evitare che si appiccichino.
I pici cosý formati vengono stesi su un panno di stoffa e di nuovo impolverati, pronti per essere cotti in acqua bollente per circa 5 minuti.
Se invece vengono fatti a macchina, per il prodotto fresco l'impasto pu˛ essere di farina di grano tenero oppure di semola o semolato di grano duro, mentre il prodotto essiccato pu˛ essere soltanto di semola o semolato di grano duro. Nell'impasto di farina di grano tenero tipo 0 si aggiungono acqua, sale ed olio extra vergine di oliva e pu˛ essere aggiunto un uovo per ogni chilo di farina. Nell'impasto di semola o semolato di grano duro si aggiunge solo l'acqua.
L'impasto, in entrambi i casi, deve essere abbastanza asciutto per una buona lavorazione.
Per il prodotto fresco, sia a mano che a macchina, pu˛ essere utilizzata anche la farina di grano duro al posto di quella di grano tenero, ma accade raramente.
I Pici vengono "buttati" in acqua bollente per circa 5 minuti. Si consumano come primo piatto conditi con vari tipi di rag¨, nel senese con pomodoro e aglio (pici all'aglione) o con sugo di anatra; in Maremma si usa condirli anche con briciole di pane o con sugo di salciccia, patate e fagioli.
Ad agosto nel Grossetano ed in particolare a Seggiano si organizza la Sara del Picio.
Tutt'oggi vengono prodotti da molti dei 20 pastifici della provincia di Siena e sono presenti anche in quella di Grosseto.
A Montalcino e dintorni sono chiamati pinci.
La vendita avviene prevalentemente presso i pastifici tramite vendita diretta del prodotto sfuso, ma ci sono anche alcune aziende che provvedono al confezionamento e alla vendita in ambito regionale.

- ST - Ricette:

- Pici all'aglione
- Pici con salsa di nana
- Pici con le briciole

- ST - Link:

- www.provincia.grosseto.it
- www.terraditoscana.com

gli rss di Saporetipicostampa elencocrea file pdf